Legata all’attrazione e alla magnetizzazione. In parte anche alla stregoneria d’amore.

E’ una Divinità presente sia nel Buddhismo che nell’Induismo.

Proviene comunque dall’Induismo, è una divinità tipicamente shivaita. Molto praticata dai praticanti del sistema shakta dello Sri Vidya, insieme a Varahi.

A livello magico può essere praticata per vari scopi, tra cui per trovare un consorte tantrico adatto, per migliorare la relazione di coppia, per trovare tanti e buoni discepoli, etc.

Possiede un Arco e delle Frecce, come il dio Kama che lei soggioga e come Cupido nella tradizione mediterranea.

E’ una Divinità a cui mi sento molto legato. O per lo meno, quando la sento ne subisco il fascino ammaliante.

Ne ricevetti l’iniziazione già diversi anni fa nel Buddhismo Tibetano e poi l’ho praticata nel contesto induista tantrico. Posso garantire che si tratta della stessa Divinità, non ci sono grosse differenze tra i due tipi di energia. Anche il mantra basilare poi è praticamente uguale.

Nel sistema tantrico del T.O.S.S. è considerata una emanazione di Kali. Infatti Thanatos (Kali) sfocia in Eros (Kurukulle), e viceversa. I Misteri di Kurukulle si imparano durante l’Opera Alchemica.

Jai Kurukulle Devi!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *